Dieta: una filosofia di vita

 

“DA OGGI COMINCIO A FARE LA DIETA”. Quante volte avrete sentito questa frase da amici, genitori, parenti o addirittura pronunciata da voi stessi! Mi sbaglio? Penso di no!

Dovete sapere che la dieta non vuol dire solamente mangiare un tot di kg di carboidrati, un tot di kg di verdura, ecc. La parola dieta viene dal greco e significa “STILE DI VITA”. Ce l’ha spiegato la Dott.ssa Francesca Carraro in un incontro in collaborazione con l’APPA (Agenzia Provinciale per la Protezione dell’Ambiente). La dieta comprende sia il benessere fisico che quello psicologico ma per averli non basta una buona alimentazione, serve armonia con se stessi, con gli altri, convivialità, cioè mangiare e cucinare insieme. La dieta è un vero e proprio modo di pensare, una filosofia di vita. C’è solamente una dieta che alla base contempla un ambiente sereno e l'importanza delle relazioni e di cucinare e mangiare in compagnia: è la dieta mediterranea. Non a caso è stata riconosciuta dalla FAO e dall’OMS come patrimonio dell'umanità. Questa dieta è anche l’unica che comprende tutti i cibi, perché il nostro corpo ha bisogno di mangiare ogni alimento. Lo diceva già Paracelso, famoso medico svizzero del' 500: “è la dose che fa il veleno”.

Forse non ci avete mai pensato, ma dovete sapere che ognuno di noi ha un “vestito” di microbi che si modifica nel tempo. Questo “vestito” tiene il nostro sistema immunitario sano e noi dobbiamo cercare di non strapparlo. Per riuscirci c’è solo un modo: avere uno stile di vita sano. Come detto prima non è necessario eliminare alcun alimento, ricordiamoci però che frutta, verdura e legumi sono importantissimi. È bene ridurre a due volte a settimana gli alimenti ricchi di grassi saturi, essi fanno da ostacolo al sangue, provocando, a lungo andare infarti.

La natura ogni stagione ci offre frutta e verdura necessarie per un equilibrio fisico. Un esempio molto semplice è quello dell’estate: in questa stagione tutti sudiamo molto e forse già sapete che il sudore emana un grosso numero di sali minerali. La natura in questa stagione ci offre frutta e verdure ricche di essi per ripristinare l’equilibrio che avevamo alterato sudando.

Infine la Dott.ssa Carraro ci ha spiegato che la nostra vita alimentare, deve essere una vita consapevole; di ogni cosa che mangiamo, che cuciniamo, che compriamo dobbiamo esserne consapevoli. Prima di comprare un cibo controlliamo la stagionalità e la provenienza del prodotto. Dietro ad ogni alimento c’è una lunghissima storia che va rispettata. Vanno rispettate anche quelle ottocento milioni di persone, nel mondo che muoiono di fame. Pensate che un terzo del cibo prodotto va sprecato, dobbiamo cominciare adesso a provare ad abbassare questo dato, abbassando questo dato abbasseremo anche il primo. Meno cibo sprechiamo, meno persone nel mondo moriranno di fame.

Mangia, cucina, compra con…CONSAPEVOLEZZA!!

Gli alunni della classe 2C - SSPG Vezzano

 

Lettera ai primini

Noi ragazzi della terza B, prossimi ormai a sostenere l’esame di licenza media e a lasciare questo Istituto non senza un po’ di nostalgia, vogliamo dare a tutti i ragazzi di prima media alcuni consigli.

È importante rispettare le regole che ci permettono di creare un ambiente in cui sentirci tutti a nostro agio, liberi di esprimere e condividere i nostri sentimenti. Stiamo cambiando, stiamo crescendo, cerchiamo sempre di rallentare il tempo, ma non è così che funziona la vita.

Dobbiamo imparare a convivere in maniera responsabile e a vedere nell’altro una ricchezza e non un ostacolo. La vita va avanti. Va sempre avanti che vi piaccia o no e anche se a volte è dolorosa, a volte è triste e a volte è sorprendente, va sempre avanti, perciò sapete che vi diciamo? Continuate a crescere, non lasciate che qualcuno vi fermi, commettete i vostri errori ed imparate da essi. Continuate a credere in qualcosa, continuate a sognare, continuate a piangere, ad arrabbiarvi e a sfogarvi. E quando la vita vi farà del male, perché ve ne farà… ricordate quel dolore. Il dolore ci rende umani.

Siate amici di tutti e insieme finirete le medie con maggior allegria, voglia e tranquillità. L’amicizia è una delle cose più belle che abbiano mai inventato. L’amicizia non la spieghi, ma la trovi. L’amico è quella persona che ti protegge dagli altri anche se sbagli e che ti dice la verità in faccia senza farti male, una persona che è felice per te e non prova invidia. Se vuoi un amico, l’unico modo è esserlo.

Non prendete in giro nessuno perché magari dopo altri fanno lo stesso con voi.

Pianificate senza avere fretta. La corsa è lunga e bisogna dosare le energie. Non fatevi buttare giù. Vincete… ma non per dimostrare agli altri qualcosa. Fatelo per voi. Confrontatevi. Sognate. Vivete. Amate. Sbagliate. E piangete pure.

Non credete a chi vi dice di riempire tutte le ore, perdete anche tempo. Girate i pollici fissando il soffitto, perché perdere tempo serve per capire come non perderlo più. Non è vero che la felicità è ora e quindi dovete godervi il momento.

Progettate. Vivete. Vivete in una prospettiva di voi stessi, perché questo vi darà fiducia in quello che fate adesso. Immaginate fra quattro anni come e dove volete essere o arrivarci in quattro mesi. Probabilmente fallirete, ma forse, dopo due anni sarete lì e avrete risparmiato la metà del tempo.

Non perdete tempo nelle critiche e non ostentate quello che avete, perché lo avete ottenuto per voi stessi non per gli altri!

Quindi godetevi questi anni ma impegnatevi a studiare perché la scuola è il vostro futuro e più avanti andrete, più lo capirete. Certo lo studio richiede fatica, molta fatica, ma con l’impegno tutto è possibile!

 

Angelica & Emily - 3B SSPG Vezzano

 

Weihnachtsplätzchen

Avete mai assaggiato dei veri Weihnachtsplätzchen?

Nooo?!

Allora chiedete ai ragazzi delle classi IB, IIB e IIIB della Scuola Media di Vezzano, che la settimana prima di Natale hanno preparato, decorato e cotto dei biscotti natalizi nel laboratorio di cucina, secondo la tradizione nordica e in particolare di lingua tedesca.

Scelto un impasto base di pasta frolla (Mürbeteig) con una farina ottenuta da grani coltivati in Valle dei Laghi e macinata a pietra, i ragazzi divisi in gruppi hanno realizzato dei biscotti a somiglianza di vari animaletti: Mäuse (topolini), Rentiere (renne), Füchse (volpi), Eulen (gufetti) e Igel (riccetti).

Alcuni commenti dei ragazzi sull’esperienza:

… utile e divertente. La cosa più bella è stata la possibilità di lavorare in gruppo con i miei compagni di classe. Mi ha fatto capire l'importanza di collaborare insieme ad un progetto comune.

Fare i biscotti è stata una delle attività più belle fatte a scuola e auguro anche ad altre classi di provarla.

L'attività di cucina che abbiamo fatto a scuola per preparare i biscotti di Natale mi è piaciuta molto. È stato divertente impastare con i miei compagni e vedere il risultato (anche se non tutti i biscotti sono riusciti molto bene). A casa i biscotti sono stati apprezzati da tutta la famiglia. Grazie per aver organizzato questa bellissima attività.

Sono stato molto soddisfatto della decorazione dei biscotti. È stato molto utile il lavoro di squadra, che ci ha permesso di raggiungere un risultato positivo. Devo farle i complimenti per l'ottimo l'impasto che lei ha preparato per tutti noi. A casa abbiamo mangiato i biscotti ed erano davvero deliziosi.

L'esperienza della preparazione dei biscotti mi è piaciuta molto, perché adoro cucinare e fare dolci (lo faccio spesso con la mamma). Soprattutto ho potuto collaborare con i miei compagni in un'attività diversa dal solito. L'esperienza mi è talmente piaciuta, che per Natale ho preparato anche a casa gli stessi biscotti peri miei genitori, i miei fratelli, gli zii, i nonni e le bisnonne.

Il lavoro che abbiamo fatto sui biscotti, secondo me è stata un’ottima idea. Non ho mai fatto i biscotti, quindi per me è stata una lezione di cucina. In quelle due ore mi sono sentito come un pasticcere, quella lezione mi ha dato la possibilità di fare un regalo alla mia famiglia. Cioè gustare dei biscotti fatti da me e dai miei compagni.

L'attività di pasticceria che abbiamo svolto a scuola mi é piaciuta molto. Ho conosciuto delle nuove ricette per fare i biscotti e sarebbe bello ripeterla, magari a fine anno.

L'idea dei biscotti è stata eccezionale. Mi sono divertita a impastare e formare i biscotti, che oltre a essere splendidi, si sono rivelati anche molto buoni. L'attività alternativa alle ore di lezione è stata molto creativa e coinvolgente. All'inizio non ero molto entusiasta dell'attività, ma poi si è rivelata un’esperienza indimenticabile e da ripetere sicuramente se possibile. La ringrazio per aver offerto a me e alla mia classe questa fantastica esperienza!

La ringrazio per averci fatto fare i biscotti, perché è stata un'esperienza molto bella,divertente e piacevole per apprendere un po' di cultura e usanze tedesche. Inoltre i biscotti erano molto buoni e sono venuti benissimo, spero che questa cosa si possa rifare.

L’esperienza dei biscotti ci è piaciuta molto, ci siamo divertiti, ci siamo messi alla prova e abbiamo lavorato bene in gruppo.

Bravi, gut gemacht!

#ioleggoperché - Sognate, leggete ed entrate nel mondo della lettura

Questa iniziativa ha l’obiettivo di invogliare i ragazzi alla lettura e arricchire le nostre biblioteche scolastiche. Nel periodo tra il 21 e il 29 novembre 2020, le famiglie, in modo autonomo, possono recarsi nelle seguenti librerie per acquistare dei libri e donarli alle biblioteche dell’istituto:

  • Ubik (Trento)
  • Il Papiro (Trento)
  • Mondadori Bookstore (Riva del Garda)
  • Libreria Porte Vecchie (Riva del Garda)
  • Libreria Cazzaniga (Arco).

Per maggiori informazioni si può visitare il sito https://www.ioleggoperche.it

Aiutateci a diffondere la nostra passione: a noi piace leggere perché è piacevole, per arricchire il nostro lessico e per scoprire nuove storie.

 

La classe 1° B delle secondarie di Vezzano



STAMPANTE 3D

Il corso che anche quest’anno la scuola media di Vezzano ha proposto ad un gruppo di alunni si chiama Stampante 3D. In realtà lo potremmo più propriamente chiamare corso per sviluppare la autostima e generare motivazione. 

Il professor Giuliano Zendri dopo il grande successo della robotica dello scorso anno, ha proposto ad alcuni studenti un nuovo lavoro. I fondi per tale progetto arrivano grazie a Cieffe un centro di consulenza e formazione di Trento che in collaborazione con la P.A.T.

grazie ai finanziamenti  del fondo sociale  europeo trova esperti per svolgere attività educative nelle scuole per aiutare i ragazzi a riconoscere le proprie risorse ed a esprimerle al meglio.

Quest’anno come detto Giuliano con la sua stampante 3D ha alimentato una creatività senza limiti perché gli studenti hanno visto e tastato con mano le proprie idee nello spazio reale.

Nel mondo del lavoro in certi settori ormai tali tecnologie sono quotidiane e qui a scuola alcuni studenti hanno potuto sfruttare la stessa tecnologia all’avanguardia che forse incontreranno nelle loro carriere.

News dalle scuole

Progetti della scuola

Ottobre 12, 2020

PON

in PON

by Alice Pisano

Il nostro Istituto ha partecipato all'avviso pubblico per la realizzazione del PON "Smart class" per…

Calendario impegni

© 2019 Istituto Comprensivo Valle dei Laghi-Dro, Vezzano via Roma, 3 - 38096 Vallelaghi TN. Cod. fisc. 96056790221. Designed by Alice Pisano. Tutte le immagini utilizzate nel sito provengono da https://pixabay.com/it/.