Rosanna 10 e lode!

E’ suonata l’ultima campanella per la storica collaboratrice scolastica Rosanna Pancheri che dopo una vita passata tra aule, banchi e corridoi della SSPG “Nuova Europa” di Dro, è andata in pensione. 

Una collaboratrice disponibile e preziosa per generazioni di ragazzi e ragazze, di grande umanità, un po’ mamma, un po’ psicologa, un po’ infermiera, un po’ confidente, un po’ ingegnere…

Per una persona così speciale, punto di riferimento costante per la vita della scuola, sempre disponibile e pronta a rispondere a qualsiasi esigenza di insegnanti e ragazzi, non poteva mancare una festa di ringraziamento in grande stile da parte di tutte le persone che in questi anni hanno avuto la fortuna di conoscerla e lavorare con lei: la Dirigente scolastica, dott.ssa Sara Turrini, professori, alunni, personale ATA. Non è mancato nemmeno un saluto istituzionale da parte del maresciallo dei Carabinieri, Vasco Degasperi e dell’amministrazione comunale con l’intervento dell’assessora Ginetta Santoni: “Sono certa che ragazzi, ragazze e famiglie ricorderanno Rosanna come persona professionalmente e umanamente disponibile”. Canzoni, poesie, cartelloni, foto, striscioni hanno animato il cortile esterno della scuola per un saluto affettuoso da parte di tutte le classi a turno: tutti uniti, ma ben scaglionati e con le dovute distanze di sicurezza ovviamente!

Come sostiene la Dirigente scolastica “Ci è dispiaciuto non poter salutare Rosanna tutti insieme in cortile, ma il rispetto della normativa di prevenzione del contagio covid non ci ha impedito di manifestarle in modo alternativo tutto il nostro affetto e riconoscimento. Siamo consapevoli che la nostra scuola dovrà fare a meno di una grande risorsa ma auguriamo a Rosanna un po’ di riposo per tutto l’impegno e la grande professionalità che ha profuso in questi anni nella nostra scuola”. Grazie Rosanna!



Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei

Giovedì 26 Novembre nella Scuola Secondaria di Primo Grado “Nuova Europa” di Dro si è svolto l’incontro delle classi terze con una dietista dell’A.P.P.A, l’Agenzia provinciale per la protezione dell'ambiente.

Innanzitutto ci siamo soffermati sulla parola DIETA che deriva dal greco antico DĬAITA e ha molti significati: può essere intesa come uno stile di vita, una forma di vita o persino come la cabina di una nave.

L’intervento è stato utile per capire che ci sono molti stereotipi sul mangiar bene. L’esperta ha spiegato, dopo aver sottolineato l’importanza della frutta e della verdura per le loro fibre, che è importante mangiare di tutto. Ha smentito poi le correnti ora in voga che scartano intere categorie di cibo, perché sono importanti anche la carne e  i cereali che contribuiscono alla biodiversità del nostro intestino. Speravamo che dopo averci rassicurato sul fatto che non dobbiamo consumare solo verdura, approvasse le nostre amate merendine. Niente da fare però: sono state bocciate per via dei troppi zuccheri e grassi. Poveri noi!

Lo sapevate che la dieta mediterranea è patrimonio dell’UNESCO? Beh, ha ricevuto questo riconoscimento nel 2010 per molte ragioni che sono state riassunte in sette parole:

CONVIVIALITÀ, INSIEME, A SCUOLA, ATTIVITÀ FISICA, TRADIZIONE, ZERO SPRECHI.

Ci siamo soffermati sui primi due punti: non è importante soltanto consumare degli alimenti salutari, ma che è fondamentale anche mangiare in compagnia di persone con cui amiamo parlare e soprattutto prendendosi del tempo. Quindi, non serve a nulla mangiare tutto BIO se poi pranziamo o ceniamo in piedi e in fretta e furia…

 

Scritto da Dario, giornalista della classe 3B - SSPG DRO



Abitare la rete per contrastare il cyberbullismo

Venerdì 13 novembre, alla scuola media di Dro abbiamo incontrato Arianna Montagni, un'esperta di educazione della rete per parlare con i ragazzi delle classi terze. Ci ha raccontato del cyberbullismo e di come possiamo interagire con la rete in modo consapevole, più maturo e critico. Nelle quattro ore di lezione che abbiamo avuto con lei ci ha spiegato la differenza tra comunicare e relazionarsi. Ci ha spiegato che la violenza psicologica può portare anche al suicidio e ci possono essere conseguenze molto gravi come ansia, stress, insonnia, problemi intestinali, mal di testa e isolamento. Questo tipo di bullismo, oltre ad essere pericoloso, molte volte può essere fatto in modo incosciente. Proprio per questo ci ha insegnato come comportarci e come affrontare questo tipo di problemi. Ci ha detto di stare molto attenti perché, dietro a uno schermo, ci può essere un bambino ma anche un adulto malintenzionato. Ci ha spiegato che le persone a volte lo fanno per vendetta, per divertimento o perché hanno avuto un problema famigliare pesante e vogliono ferire una persona e vendicarsi in qualche modo. Spesso, prima di “bullizzarti”, chi ha cattive intenzioni si avvicina molto a te così da isolarti dagli altri e alla fine, quando tu ti fidi di lui, ti ricatta o cerca di farti del male psicologico. Abbiamo visto anche dei video in cui dei ragazzi, anche con l’aiuto degli loro amici, riescono a capire che hanno usato la rete in modo scorretto e si sono fidati della persona sbagliata.

Alla fine dei nostri incontri Arianna ci ha dato alcuni riferimenti telefonici e un sito in caso di bisogno:

  • 19696 è un numero gratuito riservato ai bambini in difficoltà;
  • 800 851 026 è un numero di cellulare per discutere liberamente su problemi di bullismo;
  • 0461 213 201 è un numero fisso per discutere liberamente su problemi di bullismo;
  • www.garanteprivacy.it se vogliamo eliminare una nostra foto dalla rete.

Questo progetto ci ha insegnato a usare la rete in modo più consapevole, ci ha aiutato a riflettere e ci è piaciuto molto.



Scritto da Giorgia e Maria Sofia, giornaliste della 3A SSPG Dro

Il futuro che vorrei? Me lo leggi in faccia

Le mascherine, diventate ormai elemento irrinunciabile del nostro vivere quotidiano ed emblema della pandemia, sono una necessità. Ci proteggono dal coronavirus e proteggono chi ci sta intorno. Ma le mascherine sono anche il segno di una quotidianità e di una socialità tutt'altro che normali, dove mostrare il proprio volto e parlarsi sono diventati comportamenti a rischio.

Per noi giovanissimi, che soffriamo più di chiunque altro le tante limitazioni imposte dalla crisi sanitaria, è oggi più importante che mai pensare a un futuro oltre il COVID-19. Per questo anche la nostra classe 1B, in occasione della Giornata Mondiale dell'Infanzia e dell'Adolescenza - che si celebra il 20 novembre, nell'anniversario dell'approvazione della Convenzione ONU sui Diritti dell'Infanzia -  ha deciso di prendere spunto dalla proposta di UNICEF Italia e di compiere un gesto simbolico: scrivere sulla mascherina un messaggio - una parola, una frase, un simbolo - che parli del domani.

Scopri le nostre mascherine!!!

                                            

#ioleggoperchè - Arricchiamo la biblioteca della scuola di Dro

Anche la nostra scuola secondaria di Dro ha deciso di partecipare a #ioleggoperchè, la grande iniziativa nazionale di promozione della lettura, organizzata dalla Associazione Italiana Editori e sostenuta dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.  Perché il progetto abbia successo abbiamo bisogno della collaborazione e del sostegno delle famiglie. Chiediamo pertanto di donare, se volete e liberamente, uno o più libri con lo scopo di arricchire e attualizzare il patrimonio librario della nostra biblioteca e con ciò avvicinare i nostri ragazzi alla lettura. I libri da donare, tutti titoli di alta qualità, sono stati selezionati, per Dro, dai docenti del plesso e sono distinti in albi illustrati, raccolte di poesie e narrativa per ragazzi. E’ possibile donare uno o più libri acquistandoli presso la libreria “Porte Vecchie” a Riva del Garda oppure “Libreria Cazzaniga” ad Arco. I libri possono essere acquistati da Sabato 21 a Domenica 29 Novembre, presso il negozio oppure anche telefonicamente. Sarà nostra cura ritirare i libri donati e portarli a scuola. Grazie!

News dalle scuole

Calendario impegni

© 2019 Istituto Comprensivo Valle dei Laghi-Dro, Vezzano via Roma, 3 - 38096 Vallelaghi TN. Cod. fisc. 96056790221. Designed by Alice Pisano. Tutte le immagini utilizzate nel sito provengono da https://pixabay.com/it/.