Progetto profughi di Braunau: quando ad emigrare eravamo noi

L’11 Marzo sono venuti a farci visita Claudio Quinzani e Romano Turrini, esperti della storia della nostra zona. Ci hanno raccontato dei profughi trentini della prima guerra mondiale. Il professor Romano Turrini ci ha illustrato il suo libro e raccontato dei treni che portavano via dal paese natale mariti, fratelli e padri, che partivano per la guerra con la speranza di poter tornare. Il treno dei militari era addobbato con ghirlande e festoni, invece il treno dei profughi era un normale treno merci. Il professor Turrini racconta che le famiglie avevano moltissimi figli e per paura di perderli li legavano al polso tra loro con uno spaghetto. Le numerose famiglie costrette a partire e composte ormai solo da anziani, donne e bambini nascondevano le cose più preziose in cantina o nelle mura della casa nella speranza di trovarli quando sarebbero tornati a casa. Potevano portare con loro quindici chili di vestiti o cibo, che però, non sarebbero bastati perché l’inverno doveva ancora arrivare. I vestiti erano troppo leggeri, e nella parte dell’anno dove c'era più freddo si poteva morire di ipotermia e gli alimenti finivano presto nel lungo viaggio da Trento a Braunau; la condizione umana era insopportabile e insostenibile.

Claudio Quinzani ci ha raccontato del suo progetto al teatro di Dro: alcuni ragazzi scelti come attori dovevano mettersi nelle pose raffigurate nelle foto scattate durante la Grande Guerra e grazie a queste pose si capivano le emozioni che provavano i protagonisti, c’erano persone felici, fiere, altre spaventate o tristi. Ci ha letto anche una lettera scritta da lui, rivolta ad una ragazza che scriveva un diario durante la guerra: in quelle parole si riflettono le forti emozioni che lo scrittore prova per la ragazza: dispiacere, compassione e affetto. Infine, ci hanno fatto scrivere su un foglio dei pensieri e delle  frasi con il cuore in mano, a tutte le persone che avevamo conosciuto in quelle due ore di racconti e aneddoti sulla Grande Guerra.

Con i cuori pesanti e colmi di tristezza per tutto ciò che l’uomo è stato costretto a vivere in questa fase della Storia e che ancora vivrà in futuro, fatichiamo a comprendere il senso della vita e non smettiamo di cercare la felicità.

 

Scritto da Emanuele ed Ilef, giornalisti della classe 3D SSPG Dro


Stampa  

News dalle scuole

Progetti della scuola

Ottobre 12, 2020

PON

in PON

by Alice Pisano

Il nostro Istituto ha partecipato all'avviso pubblico per la realizzazione del PON "Smart class" per…

Calendario impegni