#Sceglilibro...Viva la lettura!

Quest’anno le classi prime della nostra scuola hanno aderito al progetto Sceglilibro: ognuno di noi ha avuto modo di leggere cinque bellissimi e coinvolgenti libri per ragazzi di cui riportiamo sotto i nostri commenti (senza rovinarvi la sorpresa!). Venerdì 4 giugno c’è stata poi la gara di lettura online tra classi con Ilaria e Barbara di Passpartù...è stata una sfida animata “all’ultima pagina”!!!

Cosa aspetti? Corri in biblioteca!

 

“UNA NEVICATA ECCEZIONALE” di Laura Tenorini e Mirka Ruggeri

Cari lettori, vi consiglio pienamente questo libro...è un libro molto veloce ed avvincente.

E’ stata un'avventura leggerlo perché ti trasporta all’interno del racconto.

Mi sono piaciuti davvero tanto i disegni, la storia era molto convincente e curata nel dettaglio, ho letto altri libri a fumetto ma credo che questo sia stato il mio preferito.

Ti rilassi leggendolo, è semplice e scorrevole, l’ho letto tutto d’un fiato leggendo pagina dopo pagina e osservando nel contempo stupende illustrazioni.

Complimenti alle autrici perché sono riuscite a scrivere una storia avvincente e anche contemporanea, mi è piaciuta molto la combinazione delle immagini con il testo. Mi congratulo con loro!

 

“VAJONT SESSANTATRE’. DALLA MONTAGNA IL TUONO”  di Tommaso Percivale

Questo è un libro stupendo e davvero avvincente, scritto meravigliosamente, la storia è coinvolgente con una protagonista femminile indimenticabile.

Una storia di lotta, coraggio e rabbia, ai piedi di una montagna che guarda e vede, e non riuscirà a perdonare.

Molto vicino diga più alta del mondo si nascondono imbrogli e segreti che nessuno ha il coraggio di svelare. Solo una giovane donna, Tina Merlin, ha la forza di combattere per dire la verità contro quelli della SADE. «Quelli della diga» stanno devastando la vita e la bellezza del Vajont e non si fermeranno davanti a nulla.

Ho adorato il libro perchè era ricco di dettagli intriganti e leggendo questo libro ho scoperto cose importanti sulla famosa diga del Vajont.

 

“NEBBIA” di Marta Palazzesi

Questo racconto mi ha davvero appassionata e in alcuni tratti della storia mi ha fatto anche emozionare.

Il libro  è ambientato a Londra nel 1880. Clay ha 13 anni ed è un mudlark, uno di quei ragazzi che vivono nelle baracche sul Tamigi, vendendo gli oggetti che trovano nel fango delle sue rive. Un giorno Clay si reca all'accampamento del nuovo circo arrivato in città e, sorpreso da Ollie, la piccola nipote della zingara, viene portato al cospetto della gabbia del lupo, l'ultimo esemplare rimasto nel Regno Unito. Nebbia, così lo chiama, è feroce, arrabbiato, assolutamente indomabile, forse anche in virtù dei metodi crudeli dei domatori, a cui Clay assiste di nascosto. Da quel momento, in Clay scatta qualcosa: vuole, con tutte le sue forze, che l'animale ritorni libero e, con la stessa tenacia, cerca di creare un legame con lui, aiutato da Ollie. La storia di Clay e Nebbia, prima all'interno del circhi e poi con una sfrenata fuga verso la libertà nei boschi del Nord, è un grande inno alla tenacia, al non arrendersi e soprattutto al diritto di vivere la propria libertà. La storia mi è piaciuta davvero tanto perchè è avvincente e coinvolgente ti fa volare con il pensiero a quell’epoca, a Londra; è un libro stupendo, scritto benissimo per cui non posso fare altro che congratularmi con la scrittrice.

 

“ANTIGONE” di Francesco d’Adamo

Mi è piaciuto molto il libro, mi ha davvero appassionata.

Mentre lo stavo leggendo immaginavo di essere Jo e di trascorrere i pomeriggi caldi al fiume con con la mia amica cercando di studiare per l’esame di terza senza successo.

Appena finivo di leggere una pagina volevo subito passare a quella successiva.

Io ho letto tanti libri ma questo è uno dei miei preferiti; appena la prof. l’ha nominato lo volevo prendere subito perché solo dal titolo e dalla copertina mi incuriosiva; mi è subito sembrato un libro interessante e coinvolgente, infatti non mi sbagliavo.

È scritto in modo facile e scorrevole e ti trasporta dentro la storia e ti fa immaginare e “vivere” la vita di Jo.

Un libro stupendo davvero, complimenti allo scrittore.

 

“IL GIRO DEL ‘44” di Nicola Cinquetti

Questo libro mi ha fatto restare a bocca aperta, perchè è una racconto coinvolgente e avvincente.

Giro d’Italia, giugno 1940. Martino segue le tappe della gara insieme al nonno e al suo migliore amico. Sono tutti tifosi di Gino Bartali, ma c’è un giovane che sembra insidiarlo con una leggerezza di levriero: Coppi Fausto da Castellania. Che vincerà alla sua prima partecipazione. Ma c’è poco da essere felici: il giorno dopo la fine del Giro l’Italia entra in guerra. 1944. Martino e la sua famiglia si sono dovuti spostare dalla città alla campagna. Per fortuna lui ha portato la sua bici. Che gli viene rubata subito da una ragazzina perfida a capo d'una banda di teppisti locali. Non è un buon inizio. Senza mai smettere di fantasticare su un suo personale Giro d’Italia disegnato dalla geografia dei libri di scuola, tra singolari commerci e movimenti cattivi di bande partigiane, osservando senza troppo capire, Martino si trova ad affrontare la realtà, più dura che mai, e cresce tutto in una volta.

Un romanzo sulla vita e sulla guerra che è davvero profondo è davvero un racconto stupendo e non posso fare altro che congratularmi con lo scrittore e ringraziarlo per avermi trasportato nel mondo della lettura.

 

Commenti scritti da Annica, classe 1B SSPG Dro




Stampa  

News dalle scuole

Progetti della scuola

Ottobre 12, 2020

PON

in PON

by Alice Pisano

Il nostro Istituto ha partecipato all'avviso pubblico per la realizzazione del PON "Smart class" per…

Calendario impegni