Quando ad emigrare eravamo noi...

Il giorno 21 aprile sono venuti a farci visita il professor Liboni e il professor Turrini, due storici rappresentanti di organizzazioni territoriali come il comitato Sant’Antonio e quello del Sommolago. Abbiamo trascorso due ore ripercorrendo il viaggio e la vita dei profughi delle zone dell'Alto Garda nei Barackenlager, più precisamente in quello di Braunau situato in Austria. I Barackenlager erano degli enormi territori costituiti da baracche di legno che dovevano essere un rifugio per i profughi, ma in poco tempo si sono trasformati in posti sovrappopolati e malsani, dove l’aspettativa di vita era bassissima. A Braunau vivevano 12.000 persone in uno spazio molto ristretto e la maggior parte dei nati nel campo non raggiungeva i cinque anni di età. Nonostante tutto i profughi si sono adoperati per organizzare i campi come delle vere e proprie città con chiese, scuole, salumerie, macellerie, scuole di cucito, panifici e altro ancora.

Con il professor Liboni ci siamo messi nei panni delle popolazioni che erano costrette ad emigrare. Avevano tre giorni per preparare i loro bauli che potevano pesare al massimo quindici chili. Lo storico ne ha portato uno con all’interno i beni che i profughi usavano portare con sé: coperte, camicie da notte, ma soprattutto immagini sacre e crocifissi. Nonostante le condizioni terribili in cui vivevano, i profughi tenevano alla loro immagine e di domenica, per le celebrazioni religiose, usavano vestirsi con i loro capi migliori.

Il professor Turrini ci ha fatto ripercorrere il suo viaggio attraverso gli archivi statali, parrocchiali e comunali per portare a termine il suo libro. Si è recato anche a Roma per raccogliere documenti e ci ha descritto i depositi sotterranei con chilometri di file e file di fogli, lettere, documenti e libri. Ha dovuto sfogliare centinaia di testimonianze per ricostruire la storia di alcune persone nate nella zona. Nella sua ricerca ha trovato anche i registri dei nati e morti a Braunau, sorprendentemente ordinati, considerato dove sono stati redatti: compaiono la data di nascita o di morte, il giorno e l’ora in cui era avvenuta e se il profugo era deceduto venivano esplicitate anche le cause.

Durante queste due ore abbiamo cercato di immedesimarci in quelle povere persone e abbiamo compreso ancora meglio che la guerra porta solo morte e distruzione.

 

Scritto da Dario, giornalista della classe 3B della SSPG di Dro




Stampa  

News dalle scuole

Progetti della scuola

Ottobre 12, 2020

PON

in PON

by Alice Pisano

Il nostro Istituto ha partecipato all'avviso pubblico per la realizzazione del PON "Smart class" per…

Calendario impegni